Danza Orientale e Tribal Fusion

AC NaturalMente - Bellydance e Tribal FusionLa danza del ventre è una delle più antiche forme di danza.
Lo stile di questa antica danza si è evoluta nel corso degli anni,
ma al suo interno rimane la stessa. Tutti gli stili di danza del ventre
hanno una base nelle danze folcloristiche che provengono, originariamente,
dal Nord Africa e del Vicino Oriente.
Questa danza si diffuse in tutto il mondo, assumendo una forma leggermente diversa fino
ad arrivare ai giorni nostri in cui, attraverso contaminazioni culturali e contemporanee,
nacque la Tribal Fusion e le sue derivazioni.
La Tribal Fusion si contamina delle sonorità odierne spaziando nell’elettronica e nelle nuove musicalità e di conseguenza gli stili di danza che le riguardano.

TALLULAH DAWN

Danzatrice di Fusion Bellydance e contaminazioni, la sua tecnica si basa sulla danza contemporanea di Laban, la modern bellydance praticata nel nord est Europeo, le danze tradizionali del Golfo Persico abbracciando il Persian ballet e il Popping e il Locking della cultura Hip Hop.
Tra le attitudini più rilevanti è ‘Ideale che la danza abbia lo scopo e la sostanza dell’espressione stessa della danza.
WEB SITE —> http://tribalfusion.tallulahdawn.it/
YOUTUBE CHANNELL —> https://www.youtube.com/TallulahDawn

I CORSI

A partire da ottobre 2018:
Danza Orientale venerdí dalle 16,30 alle 17,30
Tribal Fusion venerdí dalle 17,45 alle 18,45

La Musica per i Bambini

MUSIC LEARNING THEORY
Cosa è il metodo Gordon?

Obbiettivo del metodo Gordon, è avvicinare i bambini alla musica fin da piccoli, attraverso una teoria ideata da Edwin E. Gordon, esperto della South Carolina University, negli Stati Uniti, e fondata su quasi 50 anni di ricerche ed osservazioni, denominata Music Learning Theory (MLT).

Presupposto fondamentale alla base della Music Learning Theory è che i bambini possano apprendere la musica secondo analoghi processi di apprendimento del linguaggio.

I bambini ascoltano parlare gli adulti intorno a loro fin dalla nascita, assorbendo tutti i suoni articolati della lingua madre, anche senza comprenderne ancora il significato. Attraverso l’imitazione, presto iniziano a vocalizzare, nel periodo della così detta “lallazione”.

Col tempo, superato tale periodo, il piccolo farà i primi seri e intenzionali tentativi di imitazione delle parole, che, dapprima in modo non accurato, riuscirà poi a pronunciare correttamente, e, susseguentemente, riuscirà ad attribuire loro un significato e a utilizzarle in un contesto discorsivo attraverso frasi sempre più complesse.

Allo stesso modo, se il bambino viene immerso nei suoni musicali della sua cultura di riferimento fin dalla nascita, se i genitori o gli insegnanti, o un adulto musicalmente competente, cantano per lui fin da quando è molto piccolo, con continuità, valorizzandone le risposte imitative e guidandolo alla emissione accurata dei suoni, allora il bambino riuscirà finalmente a cantare in modo intonato e ad avvicinarsi alla musica con comprensione, facendo sì che questa possa appartenere al proprio patrimonio espressivo e di comunicazione, con tutti quei benefici per lui che la musica porta con sé.

METODO GORDON E PENSIERO MUSICALE

Secondo Gordon la competenza principale nell’approccio alla musica è l’Audiation, un vero e proprio pensiero musicale, una caratteristica fondamentale per comprendere la musica, che serve sia per ascoltarla che per improvvisare musicalmente.

La Music Learning Theory insegna ai bambini a esprimersi attraverso la musica utilizzando la voce.

La capacità di Audiation si sviluppa già a partire dall’età neonatale. Perché ciò avvenga è necessario che il bambino viva fin da piccolo in un ambiente ricco di stimoli musicali.

Nel metodo Gordon il gioco e il movimento vengono utilizzati per favorire l’ascolto della musica e la capacità di comprenderla.

METODO GORDON, I BENEFICI PER I BAMBINI

Secondo il Gordon Institute For Music Learning, il periodo più florido per favorire lo sviluppo musicale del bambino, è al momento della nascita e durante i primi anni di vita.

L’esperienza musicale del bambino dalla nascita fino ai 6 anni ha un impatto davvero profondo e farà in modo che i bambini possano comprendere, apprezzare e esprimersi attraverso la musica anche quando diventeranno adulti.

MUSICA IN CULLA (0-36 MESI)

Ci incontriamo una volta a settimana in un’atmosfera di distesa e divertita partecipazione per offrire ai piccoli la possibilità di arricchire con la musica il proprio patrimonio espressivo e ai grandi l’occasione di imparare brani e attività da riproporre a casa. I primi tre anni di vita del bambino sono i più importanti per lo sviluppo della sua attitudine musicale e costituiscono una finestra di apprendimento irripetibile per l’acquisizione del linguaggio musicale.

Il Corso di Musica in culla si basa sulla Music Learning Theory di Edwin E. Gordon ed è il primo e importantissimo passo per iniziare un percorso di apprendimento musicale che porterà il bambino a comprendere e amare la musica.

CRESCENDO MUSICALI (3-5 ANNI)

Imparare divertendosi: la voce cantata, il movimento, l’ascolto, il gioco, l’intonazione, il senso ritmico e la coordinazione motoria costituiranno la base di questo percorso di apprendimento musicale fondato sulla Music Learning Theory.
Il corso costituisce la prosecuzione ideale del corso “musica in culla”, ma può anche essere il primo momento di avvicinamento alla musica per i bambini di tre, quattro e cinque anni, età in cui nel bambino cominciano a prendere forma importanti competenze musicali.
Si lavorerà in gruppo con il rispetto dei diversi ritmi di apprendimento dei singoli bambini e senza spingerli alla prestazione e alla performance.
Il Corso costituisce anche un’ottima base per un successivo avvicinamento al coro e allo strumento.

 

Kundalini Yoga


“C’è un flusso costante di energia nascosta dentro di voi
Kundalini Yoga è un’antica disciplina per risvegliare la vostra consapevolezza che vi porterà nel vostro ‘Sé’ originale. Si tratta di un naturale sviluppo della vostra natura.
Vi insegna come ottenere un forte sistema immunitario, ghiandole vitali, un sistema nervoso forte, una buona circolazione e la consapevolezza dell’impatto delle vostre abitudini”.
Yogi Bhajan / maestro di Kundalini Yoga

kundalini 1 kundalini 2

Che cosa è Kundalini Yoga
Kundalini Yoga è una forma originale e completa di yoga, anche detto yoga della consapevolezza. Tipici di questa forma di yoga sono gli esercizi dinamici, l’attenzione per la respirazione (pranayama) e l’uso del suono (mantra).
Applicando simultaneamente questi diversi tipi di tecniche yoga, i risultati si ottengono velocemente e in modo responsabile. Una lezione consiste in una serie di esercizi (Kriya), di un rilassamento profondo e di una meditazione. Ci sono diverse lezioni su diversi livelli, in modo che anche un principiante possa imparare tutte le tecniche di base.

Quali sono gli effetti di Kundalini Yoga
Gli esercizi hanno un forte effetto di pulizia, riducendo e dissolvendo le tossine, ma anche il dolore, l’ansia, lo stress e la frustrazionie.
Il Kundalini Yoga aiuta a diventare più consapevoli del vostro stato fisico, mentale ed emotivo e ha un effetto positivo su di essi.

Kundalini 3

Insegnante:
VALENTINA GUIDA (Sat Karam Kaur): certificato di formazione conferito da IKITA (Associazione Italiana Insengnanti di Kundalini Yoga), insegna yoga dal 2008.
Diplomata in Shiatsu presso l’accademia Italiana Shiatsu-do di Roma.

 

Ginnastica posturale


Questa ginnastica è composta da una serie di esercizi che ristabiliscono l’equilibrio muscolare.
È alla base della rieducazione posturale che si occupa di come imparare nuovamente i gesti e le posizioni che assumiamo quotidianamente.
Lo scopo della ginnastica posturale è quello di riportare la muscolatura in equilibrio, libera da tensioni muscolari.
Questa disciplina è molto utile per prevenire dolori e fastidi che, soprattutto con il passare del tempo, iniziano a manifestarsi soprattutto in soggetti che hanno fatto poco sport nel corso della loro vita.

Il corso di ginnastica posturale è fruibile sia come lezione di gruppo che come lezione individuale.

Taiji Quan

 

Il Taiji Quan è una antica disciplina cinese che stimola lo sviluppo globale della persona poiché si irradia contemporaneamente a livello fisico, psichico ed emozionale, favorendo la sintonia del praticante con l’armonia naturale e migliorandone la qualità della vita.

La sua forza deriva dall’integrazione della teoria Yin–Yang con l’arte marziale, la medicina tradizionale cinese e gli esercizi di Daoyin e Tuna volti al riequilibrio ed il rinvigorimento dell’energia vitale.
L’attento lavoro sulla postura, il ritmo ed il rilassamento, consentono  di sviluppare flessibilità, calma e forza interiore fino a scoprire come molte abitudini  e atteggiamenti mentali mettano in tensione il corpo e gli organi interni.
Gli insegnamenti vengono impartiti in modo graduale valorizzando le singole potenzialità e guidandole attraverso un percorso personale di apprendimento.
La Via del Taiji Quan conduce l’uomo a ridiventare se stesso e a ritrovare la propria essenza e la propria libertà all’interno della propria natura. La pratica costante permette di cogliere l’essenza del Taiji Quan in tutti gli aspetti filosofici, energetici, salutistici e marziali.
La pratica costante del Taiji Quan esercita benefici sull’apparato osteo–articolare e sui sistemi cardio–vascolare, respiratorio e digestivo.

Il rilassamento, il ritmo e la concentrazione richiesti dalla pratica, oltre ad essere un’ottima disciplina per la mente, attivano il sistema nervoso centrale. La fine coordinazione, il controllo della postura e dell’equilibrio, richiedono una intensa attività cerebrale regolando il rapporto tra eccitazione e inibizione a livello corticale e aumentando tra l’altro la resistenza allo stress.
Alcune ricerche scientifiche dimostrano che durante la pratica, numerosi parametri fisiologici subiscono delle variazioni. A livello biochimico si riscontra una diminuzione di cortisolo e adrenalina, normalmente attivi in condizione di stress, mentre si osserva un’aumentata produzione di melatonina e serotonina presenti nelle condizioni di benessere. Tra l’altro è comprovata un’azione di rinforzo del sistema immunitario.

Metodo Pilates

 

IL METODO PILATES SI BASA SU SEI PRINCIPI:

  • Centralizzazione
  • Concentrazione
  • Controllo
  • Precisione
  • Respirazione
  • Fluidità

I BENEFICI DEL METODO PILATES

  • Praticare il metodo Pilates migliora:
  • Flessibilità ed estensione
  • Coordinazione
  • Forza e resistenza muscolare
  • Postura statica e dinamica
  • Postura del centro e del corpo
  • Qualità della vita e scioltezza nelle attività quotidiane
  • Capacità di adattamento e percezione
  • Autostima e responsabilità del proprio corpo

INOLTRE:

  • Previene i dolori alla colonna vertebrale
  • Aumenta il controllo e la concentrazione mentale
  • Migliora l’efficienza della respirazione
  • Favorisce la connessione mente-corpo
  • Sviluppa l’equilibrio muscolare

Ginnastica antalgica

 

La Ginnastica Antalgica è un’attività motoria che, utilizzando elementi di ginnastica articolare, periarticolare e lo stretching, permette di prevenire e curare molteplici patologie a carico del sistema osteo-arto-muscolare.

La Ginnastica Antalgica è attenta al ripristino del benessere della colonna vertebrale, dal tratto cervicale a quello lombo-sacrale.

I VANTAGGI DI UNA PRATICA GIORNALIERA

  • Migliora il benessere psico-corporeo;
  • Aumenta la flessibilità, la mobilità, la coordinazione permettendo un movimento armonico;
  • Rende consapevoli del proprio corpo e della sua struttura aumentando la capacità di ascolto nella percezione corporea favorendo l’autocorrezione nei casi di atteggiamento posturale sbagliato;
  • Riduce lo stress;
  • Può essere praticata a qualunque età.

LA GINNASTICA ANTALGICA si rivolge a chiunque cerchi:

  • ARMONIA
  • EQUILIBRIO
  • BENESSERE PSICO-CORPOREO